complexe-pediatrique

TARGET 116/2019

NOTIZIE DALLA REPUBBLICA CENTRAFRICANA

La Repubblica Centrafricana è uno dei Paesi più poveri del pianeta, versa in una condizione di costante instabilità e, secondo le Nazioni Unite, occupa l’ultimo posto della classifica dell’Indice di sviluppo umano.

Il colpo di stato del 2013 ha fatto precipitare il paese in un caos enorme, scatenando una violenza senza precedenti. I bambini erano tra le principali vittime e 1 persona su 5 fu costretta ad abbandonare la propria casa a causa degli scontri armati. La situazione sanitaria era al collasso per la mancanza di medicine, di attrezzature e soprattutto di personale sanitario qualificato: il Centro Pediatrico di Emergency a Bangui era l’unica struttura pediatrica attiva.

L’unico ospedale pediatrico del Paese, il Complexe Pédiatrique di Bangui, chiese aiuto ad Emergency per poter garantire l’attività chirurgica in città e dare assistenza alle vittime della guerra: in quel momento vi lavoravano solo 2 pediatri e 2 chirurghi pediatrici. All’arrivo dello staff di Emergency l’ospedale era danneggiato da anni di incuria: motorini parcheggiati in sala operatoria, personale che cucinava nell’area di sterilizzazione e polli che passeggiavano per le corsie. Subito ci si è impegnati per garantire standard di igiene e di pulizia necessari in un ospedale. Gli addetti alle pulizie hanno pulito muri, pavimenti, ogni superficie della struttura. I logisti hanno riparato impianti e sterilizzatrici e hanno rimesso in uso ventilatori e monitor.

Un problema grave era rappresentato dalla mancanza di personale specializzato: per questo motivo Emergency ha iniziato la collaborazione con la Faculté des Sciences de la Santé dell’Università di Bangui, formando 14 specializzandi in pediatria e dal febbraio 2016, ogni mese, 90 studenti di scienze infermieristiche e oltre 70 di medicina. Si è voluto creare un nuovo sistema integrato università-ospedale. La formazione è fondamentale in ogni progetto di Emergency perché permette di soddisfare i bisogni della popolazione nell’immediato, contribuendo al futuro del sistema sanitario del Paese.

Anche dopo il termine della guerra, l’intervento di Emergency è continuato e nel corso degli anni sono state prese in carico buona parte delle attività della struttura: il Pronto soccorso, il dipartimento di cure intensive e sub-intensive, l’area di triage, i servizi logistici e ausiliari come la lavanderia e il laboratorio. Nel 2017 è iniziato il supporto anche alle rimanenti corsie.

Oggi, il Complexe Pédiatrique ha acquisito una sufficiente autonomia sia sulla parte gestionale sia sulla parte clinica ed è arrivato il momento per l’ospedale di entrare in una nuova fase. Per questo abbiamo concordato con le autorità locali un passaggio di consegne graduale e definitivo, che ha coinvolto anche la ONG italiana Medici con l’Africa CUAMM e che supporterà l’ospedale a partire dal mese di luglio. Grazie al supporto dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo l’ospedale è stato rifornito di tutto il necessario per poter garantire la funzionalità della struttura e la continuità delle cure nei prossimi mesi. Emergency ha anche garantito che i fondi promessi dai donatori istituzionali per la gestione del Complexe Pédiatrique nei prossimi 3 anni siano mantenuti, assicurando la sua sostenibilità economica. Il 30 giugno è avvenuto il passaggio definitivo del testimone al Direttore dell’ospedale e alle autorità sanitarie centrafricane.

Il lavoro di Emergency continuerà presso il Centro Pediatrico di Bangui.

—————————

ANCORA UNA VOLTA: MILANO MARATHON PER EMERGENCY!!

I grandissimi “Sciupà da Busti” anche quest’anno hanno corso la Milano Marathon per Emergency!

Nemmeno la pioggia ha osato fermarli!

milano-marathon

—————————

5XMILLE: È ORA DI COMINCIARE A PENSARCI!

senza-titolo

—————————

VUOI AIUTARCI CONCRETAMENTE?

screen-shot-2017-11-05-at-9-23-48-am

Fai la tessera di Emergency oppure diventa volontario.

Leave a Comment